Si ringrazia Giuseppe Luongo per l'articolo e i numerosissimi esperimenti!

ubuntu live cd non carica

A volte non basta decidere di passare a Linux, per avere un pc funzionante.
Non basta, perché a volte è il pc stesso a non volerne sapere di ricevere Linux, “la cura”.
Con l'avvento di Winzozz Vista, ho avuto l'onore ed il piacere di formattare diverse macchine utilizzando vari distribuzioni Linux, in modo principale, comunque Ubuntu.
L'installazione è facile, e mostra sin da subito le potenzialità del sistema operativo, ma un computer su dieci non ne vuole sapere di essere “curato”.
Il primo passo è quasi sempre testare una Live Cd di Ubuntu (nel mio caso 12.04 – LTS) pochi secondi di caricamento dal cd ed ottengo schermata viola fissa sul monitor.
Per provare altre opzioni, scarico varie distribuzioni.
Provo un boot da cd di Ubuntu 12.04 Alternate ed ottengo una schermata nera, bloccata con cursore lampeggiante.
Riavvio il tutto e provo a far partire l'installazione scegliendo una modalità grafica sicura, ma ottenendo lo stesso risultato di cui sopra.
A questo punto, faccio la prima cosa che farebbero tutti e quindi, via su internet a girovagare tra siti ufficiali e forum accreditati.
Ora, digitando “schermo nero cursore lampeggiante Ubuntu” su Google sarete trasportati nel fantastico mondo di chi non riesce ad installare Ubuntu al primo colpo.
Un mondo fatto di numerosissimi forum con numerosissime discussioni, ma con pochissime diciture [RISOLTO].
La maggior parte dei modi illustrati per risolvere (in parte) il problema è quello di disabilitare alcune funzioni importanti all'inizio dell'installazione.
(premendo F6 nella prima parte dell'installer) È inutile dire che disabilitando alcune di queste funzioni il nostro Ubuntu si comporterà non proprio nel migliore dei modi, ma lo schermaccio nero non apparirà ed arriveremo a completare finalmente l'installazione del sistema operativo.
A questo punto saremmo portati nel dire “è fatta!?” ed invece è proprio ora che iniziano i problemi.
Infatti, a computer completamente avviato capiremo cosa comportava disabilitare quelle voci.
Il mio caso mi ha visto lottare con un portatile, che accettava Ubuntu solo in modalità ACPI=off causando l'invisibilità della batteria e l'impossibilità di spegnere il pc stesso, nemmeno tramite la shell.
Anche se la prima regola aurea dell'informatica è: se funziona, NON TOCCARE. Un pc che per essere spento deve veder premuto il tasto di interruzione elettrica non funziona e quindi TOCCARE!
Continuo a navigare in internet cercando di capire come spegnere il pc in qualche modo e soprattutto, visto che è un portatile, come fargli riconoscere la batteria.
La ricerca è stata lunga e frustrante. Alcuni utenti risolvevano improvvisamente dal giorno alla notte senza fare nessuna modifica al pc, altri utenti invece dicevano di esser riusciti a spegnere la macchina, ma ahimè dimenticavano di aggiornarne il thred con le modifiche da apportare.
C'è da dire però che alcune distribuzioni venivano montate dalla macchina senza alcun problema tipo Debian o OpenSuse. Infatti pian piano mi ero deciso ad abbandonare il mio amato Ubuntu per una di queste altre distribuzioni che però non mi soddisfacevano al 100% All'improvviso, una scoperta!
Sul Forum italiano di Ubuntu, un utente prima di me non ha accettato di accontentarsi di un pc zoppicante e si è messo a disabilitare le voci nel Bios.
Sembrerebbe una cosa da non consigliare minimamente, ma stranamente funziona!
All'interno del Bios c'è la possibilità di disabilitare delle funzioni che per l'uso che facciamo del pc possono risultare inutili.
Tra le voci, obsolete a mio avviso, c'è la possibilità di avere disabilitate di default le slot di espansione.
Disabilitare questa voce è una azione facilissima, ma per fugare ogni dubbio, continuo nella descrizione.
Ogni interfaccia Bios è diversa, ma più o meno le funzioni principali sono facilmente riconoscibili.
Entriamo nel Bios e scegliamo la scheda “Security”


Qui troveremo qualcosa somigliante a “I/O Interface Security” selezioniamo con tasto Invio

Troveremo un elenco dove di default, abbiamo tutte le voci “Unlocked” sbloccate.
Quindi con le frecce direzionali, ci portiamo sulla voce interessata.
Modifichiamo il valore relativo a “New Card Interface” da “Unlocked” a “Locked” Salviamo la nuova configurazione e il gioco è fatto.
E' più difficile dirlo che farlo, è una procedura banale che salverà i pomeriggi a parecchi utenti.

Buon Ubuntu a tutti e forza Linux.

Navigando www.orvietolug.it accetti l'utilizzo dei cookies